CLIMATHON: hackathon sul cambiamento climatico a Torino

La città di Torino parteciperà al Climathon 2017, un hackathon di 24 ore sul cambiamento climatico ideato da Climate-Kic, il più grande partenariato europeo in materia di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici.

L’hackathon avrà luogo contemporaneamente nelle maggiori città del mondo il 26 e 27 ottobre 2017, i partecipanti avranno 24 ore per elaborare soluzioni in grado di aiutare la Città a migliorare la gestione delle proprie politiche in tema ambientale.

Il 26 e 27 ottobre, negli spazi di Environment Park, i partecipanti suddivisi in team e coadiuvati da coach e sviluppatori, avranno a disposizione 24 ore per elaborare soluzioni abilitate dall’IoT (Internet of Things) e dall’IoD (Internet of Data) che possano aiutare la Città a migliorare la programmazione e la gestione delle proprie politiche in tema ambientale.

La challenge torinese, in particolare, sarà focalizzata sull’individuazione di strategie, azioni e servizi per la mitigazione e adattamento dei cambiamenti climatici nelle aree urbane. Nello specifico i partecipanti dovranno elaborare progetti e soluzioni per affrontare i rischi climatici che potrebbero interessare sempre di più le nostre città, quali ondate di caloreinondazioni (causate sia da alluvioni che da precipitazioni intense), e sulle attività di mitigazione, quindi su soluzioni che contribuiscano alla riduzione del fabbisogno energetico con particolare attenzione al settore dell’edilizia residenziale e civile.

Al termine della competizione una giuria composta da esperti e rappresentanti dei partner coinvolti nell’iniziativa selezionerà e premierà i progetti migliori.

E’ possibile iscriversi al Climathon Torino singolarmente o in gruppo  (massimo 3 persone), fino al 15 ottobre, registrandosi in questa pagina.

La partecipazione è gratuita ed è aperta a: professionisti, studenti, esponenti della società civile, dipendenti di amministrazione pubbliche con expertise nelle seguenti aree: ambiente (scienze ambientali o forestali, agronomi, ingegneria ambientale, economia ambientale, esperti modellistica ambientale, etc.); ICT ; scienze sociali ed economiche. Potrà essere effettuata una selezione dei partecipanti in base ai profili e all’ordine di presentazione delle candidature sul sito.

Per maggiori approfondimenti visita la pagina ufficiale

TwitterFacebookLinkedInGoogle+